POETICA – parole, oggetti, immagini – inaugurazione 9 ottobre 2010

STUDIO GENNAI Arte Contemporanea

via San Bernardo, 6 Pisa

email:studiogennai@yahoo.it
http://studiogennai.sytes.net/
tel.348 8243760

 

COMUNE DI PISA

Assessorato alla Cultura

Assessorato al Verde Pubblico

 

POETICA
parole, oggetti, immagini
opere di: P.Albani, F.Andolcetti, A.Battisti, C.Battisti, M.Bentivoglio, J.Blaine, E.Caprini,
L.Caruso, B.Cassaglia G.Chiari, C.Cimino, M.Commone, D.Gennai, D.Longo, A.Lora Totino,
A.Lunardi, M.Manfredi, L.Marcucci, S.M.Martini, E.Miccini, L.Ori, L.Pignotti, R.Spagnoli,
B.Vautier, W.Xerra.
Inaugurazione sabato 9 ottobre: ore 17.00 sotterraneo del Giardino Scotto
ore 18.00 Studio Gennai via San Bernardo, 6

Dal 9 ottobre al 21 novembre 2010

L’esposizione documenta la forte permanenza di una indagine che da oltre quaranta anni viene condotta intorno all’innesto tra diversi codici linguistici che mirano a un’espressione non condizionata. Sono esempi di simbiosi tra parola e immagine, tra parola e oggetto; opere di natura ambigua che si muovono nell’ambito della trasgressione, a un livello di ricerca disciplinata e autocosciente. Opere storiche e altre più vicine a noi accomunate dall’essere operazioni poetiche nella più ampia accezione del termine che include l’ironia, la denuncia, il lirismo, il dramma, la solarità. Opere che hanno ampiamente superato il limite delle etichette critiche dei gruppi e delle tendenze e che testimoniano il fertile scambio tra personalità diverse. La mostra si ricollega idealmente con l’altra che, nel 1963, aveva dato origine alla Poesia Visiva, alla consapevolezza, cioè, che la poesia può cambiare il suo veicolo di comunicazione: dalla pagina scritta alla parete della galleria d’arte, e oltre. Insomma, anche la poesia può diventare un oggetto visivo, un qualcosa da appendere al muro e al limite da esibire su un cartellone. Come sostengono i due inventori del termine, Lamberto Pignotti e Eugenio Miccini, i collage, gli oggetti, i ‘librioggetto’ e tutte le altre operazioni anche performative della poesia visiva sottendono
sempre il filo rosso dell’ideologia o, come si dice oggi, la coscienza di uno stato sociale come condizione e destino dell’arte.
Ecco perché ancora oggi rimane intatta la sua forza comunicativa. Ancora oggi, in un momento in cui la contaminazione continua a costituire il carattere prevalente dell’arte oltre il duemila, fomentata dalla velocità di circolazione dei vari codici visivi tra i diversi continenti.
I ventisei artisti presenti nella mostra sono personalità che, seguendo percorsi anche assai diversi, hanno fatto la storia di questa vasta area di ricerche di cui ancora oggi ci tramandano la vitalità.

Dal 9 ottobre al 21 novembre 2010

orari sotterraneo Giardino Scotto:

– venerdì, sabato, domenica, ottobre ore 15.00 – 17.00
 – venerdì, sabato, domenica, novembre ore 15.00 – 16.30
Studio Gennai tutti i giorni feriali ore 17.00 – 19.30 o su appuntamento (3488243760)

 

 

Allestimento Poetica - Dario Longo davanti alla sua opera con Carlo Battisti e Delio Gennai

 

Poetica - Paolo Albani e la sua opera - Porta Ombre

 

Sotterraneo del giardino Scotto, Paolo Albani - Carlo Battisti - Delio Gennai



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FABRIZIO BRESCHI
“Nove Marzo Duemilaventi”
Piero Ciampi a fumetti
Fabio Peloso – LUCE/COLORE – a cura di Antonella Capitanio – Inaugurazione sabato 12 marzo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi