Emma Caprini – Tempo Di Giocare – 15 ottobre 2005

FOTO


Emma CAPRINI
Tempo di giocare
15 ottobre – 3 Novembre
2005

 

orario
: 18.00 – 20.00 / chiuso domenica e lunedì vernissage: sabato 15 ottobre 2005, ore 18.00

catalogo: in galleria; edito da “Il Gabbiano”, 2005, con testo di Mara Borzone

Emma Caprini, diplomata all’Accademia di Belle Arti di Carrara, vive e lavora alla Spezia. La sua prima mostra personale risale al 1990 alla Galleria “Il Gabbiano”; numerose le mostre collettive cui ha partecipato.

Scrive Mara Borzone nel testo in catalogo: <<All’apparenza il lavoro di Emma Caprini appare delicato e lieve, come la carta forno o quella da lucido, tuttavia dietro tanta leggerezza si cela un messaggio forte e ovunque presente, che ha origini e motivazioni complesse. […] Emma Caprini cerca un po’ di saggezza, ma non troppa, coglie lo sgomento e il senso di incompletezza nel testo biblico, e vi si identifica; ne percepisce la modernità e la dimensione scientifica ( si potrebbe sostituire il termine eternità col segno di infinito) e le traduce in opere monocrome, asciutte, autoironiche e quasi timorose di apparire. […] Nel suo lavoro il tema del cibo assume con frequenza i connotati asciutti e poco appetitosi della vanitas riletta in chiave contemporanea. Il tempo, con qualche richiamo al Fluxus, è anche in […] Andantino scherzoso, dove le farfalle, che durano un giorno, a volte solo un’ora, diventano note sul pentagramma. […] Gli spartiti rimandano alla Poesia Visiva, come i libri, che Emma Caprini realizza in carta da forno con i bordi bruciati (il tempo ha la sua importanza anche in cucina) […].



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2008-07-12 Invasione al Castello
Una collezione in mostra Raccolta di grafica e dipinti dalla Collezione Giorni – Inaugurazione Sabato 7 novembre 2015
Tra/me. Voci e liaison di Myriam Cappelletti | Laura VdB Facchini | Gianna Scoino | Elisa Zadi – sabato 12 ottobre 2019 ore 18.00
Paesaggio poco romantico – Alessio Larocchi – 9 gennaio 2010

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi