“ARTISTI IN BICICLETTA” inaugurazione 17 giugno 2010 ore 18

“ARTISTI IN BICICLETTA”
inaugurazione 17 giugno ore 18

opere di:

Paolo Albani, Fernando Andolcetti, Antonio Bobò, Sergio Borrini, Anna Buratta,
Carlo Cané, Bruno Cassaglia, Renato Cerisola, Cosimo Cimino, Mario Commone,
Marcello Diotallevi, Beatrice Donin, Delio Gennai begin_of_the_skype_highlighting end_of_the_skype_highlighting, Elisabetta Gut, Alessandro Lapperier,
Leona K., Carlo Alberto Longaretti, Ruggiero Maggi, Mauro Manfredi, Nadia Nava,
Giuseppe Pellegrino, Daniele Sanguinetti, Rosemarie Sansonetti, Danilo Sergianpietri, Vittorio Sopracase, Alberto Sordi, Marie Laure Van Hissenhoven.

All I wanna do is / Bicycle bicycle bicycle / Bicycle races are coming your way (Tutto ciò che voglio fare è bici bici bici / Corse di bicicletta stanno venendo verso di te): se ogni mostra potesse avere la sua colonna sonora, per Artisti in bicicletta sarebbe perfetto l’incipit di Bycicle race (1978) dei Queen. La strofa successiva: So forget all your duties oh yeah! / Fat bottomed girls / They’ll be riding today (Quindi dimentica tutti i tuoi doveri, oh sì! / Ragazze dal culo grosso / Correranno oggi) è il sottofondo ideale per Sport e divertimenti di Mauro Manfredi, che non si prendeva mai troppo sul serio. Altri artisti, come Fernando Andolcetti in Sull’uso del pedale (lui e lei in camporella in bici fra notazioni musicali), o Giuseppe Pellegrino in La bicicletta è il miglior amico dell’uomo (lei seduta sulla canna e portata da Paul Newman) scelgono atmosfere rétro, come quelle di Bellezze in bicicletta (Trio Darling, 1951) colonna sonora del film omonimo, non memorabile: Ma dove vai bellezza in bicicletta, / così di fretta pedalando con ardor. / Le gambe snelle, tornite e belle, / m’hanno già messo la passione dentro al cuor. Atmosfere vintage sono evocate anche da Modello turbo di Sergio Borrini (sembra di sentirlo il rumore della cartolina tenuta dalla molletta fra i raggi), delle biciclette tristi e abbandonate di Roberto Buratta e di Beatrice Donin (Omaggio a Loris Cecchini), della bici fra le nuvole di Rosemarie Sansonetti, della 365 giorni.. di Alberto Sordi, gara contro il tempo sotto i portici. Di segno opposto il film di riferimento, in questo caso è adatto Ladri di biciclette (Vittorio De Sica, 1948). Gira producendo un sottile ronzio la Bicycle Wheel (Ruota di bicicletta) di Marcel Duchamp (1913), probabilmente il primo ready-made della storia dell’arte, cui hanno reso omaggio Danilo Sergiampietri con Giro del mondo (innumerevoli ruote di bicicletta d’après Duchamp su una sfera) e Nadia Nava con Ready ready made (un equilibrista in bilico sulla ruota di Duchamp). Non mancano i libri d’artista, silenziosissimi, visto che non si possono neanche sfogliare: Sulla quadratura del cerchio di Paolo Albani, in Teoria e storia a cura di Leva Raccordi in Sella, ed. Pedivelle, e Vecchia bicicletta nuova di Lamberto Pignotti, un omaggio al futurista Primo Conti. Per la colonna sonora si rimanda a Paolo Conte (2008): Una bella bici che va / silenziosa velocità / sopra le distanze, le lontananze starà/…/ una bella bici che va / roteante fluidità / bici futurista, bici d’artista sarà (forse si riferisce ad Futuriste in bicicletta della mail artista Anna Boschi?) /…/ una bici non si ama, / si lubrifica, si modifica / una bici si declama / come una poesia per volare via. Sono poesie visive il raffinato Haiku per bicicletta di Bruno Cassaglia (i fili d’erba non hanno più lacrime per la rugiada…), l’intreccio Carrefour di Renato Cerisola, la scrittura araba che diventa bici di Delio Gennai , l’anagramma Bycicle di Elisabetta Gut, con la Y a far da telaio, Linea 5 fermata Eddy Merxx di Marie Laure Von Hissenhoven, presa dalla strada, Stress (S3SS) di Marcello Diotallevi (la poesia visiva inizia ad attingere dagli SMS) e Un giro con Galileo di Carlo Canè, che ne cita le immagini. Intanto, di sottofondo, Paolo Conte continua a cantare una bella bici che va / roteante fluidità / sagoma dinamica e geometrica avrà, come lo studio di funzione di Ruggero Maggi e L’assenza del ciclista di Mario Commone, mai visto niente di così tecnologico, ma il ciclista che fine ha fatto? La bicicletta è una scelta ecologica ricorrente: oltre che in Bicycle song dei Red Hot Chili Peppers o Bike dei Pink Floyd,ha ispirato il progetto scartato Ipotesi n. 115 Aria pulita di Carlo Alberto Longaretti eThe right way di Daniele Sanguinetti, sintetico ed efficace. Due casi a sé: Sotto l’obiettivo di Cosimo Cimino: tutti fotografano il ciclista, costruito con le lattine, chissà cosa contenevano…, e Pedalare di Antonio Bobò, simmetrico speculare ed enigmatico. Non manca la pittura, nel girotondo di Biciclette di Alessandro Lapperier, nella scomposizione della Milano-Sanremo 2010 di Leona K e in Prendi la bicicletta e vai di Vittorio Sopracase, l’unico artista di questa rassegna davvero e sempre in bicicletta.

Mara Borzone



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Luoghi dell’utopia. lo stato dell’arte in divenire. 26 luglio2008 – A cura dell’associazione culturale BAU – Villa Borbone – Viareggio
Giancarlo Pavanello – Graffiti Domestici – inaugurazione e presentazione delle antologie “bricolage” e “dado tutto bianco” – sabato 28 gennaio 2017 ore 17
Paesaggio poco romantico – Alessio Larocchi – 9 gennaio 2010
Danilo Sergiampietri – GAS e altre Opere – Inaugurazione sabato 6 Aprile

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi