ORIZZONTI – opere di Carlo Battisti – Inaugurazione sabato 10 giugno 2017

“L’Utopia è come l’orizzonte:
cammini due passi e si allontana di due passi.
Cammini dieci passi e si allontana di dieci passi.
L’orizzonte è irraggiungibile.
E allora a cosa serve l’Utopia?
Serve per continuare a camminare.”

Eduardo Galeano

ORIZZONTI
opere di Carlo Battisti

Inaugurazione sabato 10 giugno ore 18,00

dal 10 giugno al 10 luglio 2017

orario da martedì a sabato 17-19,30 o su appuntamento

Una mostra di Carlo Battisti alla galleria Studio Gennai di Pisa.

Quattro installazioni luminose una delle quali dinamica presentata per la prima volta ed una videoproiezione: questi gli elementi che caratterizzano la mostra. Ai quali si aggiungono diversi quadri strettamente legati al tema ed alcuni multipli.
La rappresentazione della parola e del testo (suo portato), l’indagine delle loro potenzialità alternative, alterative e, al limite, sovversive è ciò che da quaranta anni caratterizza il lavoro di Battisti.
Sono qui presenti alcuni dei lavori oggetto della sua ultima mostra (aprile scorso) al Museo Pino Pascali di Polignano a Mare.

Carlo Battisti è nato a Viareggio, Italia, nel 1945. All’età di 12 anni lascia la scuola e comincia a lavorare.
Totalmente autodidatta ha sempre subìto il fascino della manualità e della conoscenza delle metodologie grazie alle quali l’idea diventa opera.
Da lavori più schiettamente concettuali come “Le Nubi”, prima mostra “itinerante” (Firenze, 1975) nella quale esponeva le nubi in passaggio nel cielo di Firenze, a cose di denso contenuto manuale come gli interventi operati su testi cartacei: lavori dove una pagina di testo piegata e intagliata produceva “architetture” di carta.
Un esempio ne è “La Biblioteca di Babele” (opera per definire la quale Battisti usa l’ossimoro “Minimalismo Barocco”) del 2008 composta in origine da 25 pezzi di cm 34×34 tutti realizzati sul testo omonimo di J. L. Borges e poi proseguita in una sorta di work in progress, tuttora operante, con un corpus di circa 60 opere.
Se il riferimento alla Poesia Visiva è in molteplici casi d’obbligo, anche per la lunga e mai interrotta frequentazione del genere ed il sodalizio dell’artista con i più significativi esponenti di tale corrente, il lavoro di Battisti non è, nel suo complesso, circoscrivibile ad un ambito: la materialità stessa di molte delle sue opere le discosta dai parametri classici dell’esperienza verbovisuale per aprire ad una più profonda indagine nella scultura, nell’assemblaggio o nella pittura: insomma nel vivo della materia.



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FINISSAGE TIEMPO MUERTO Stop 1. Produzione, Inscrizione e Desiderio un progetto di JUAN PABLO MACÍAS in collaborazione con Les Anarchistes a cura di Emily Barsi
Alfio Antognetti / Hagia Sophia / La Divina Sapienza (parte terza) “Domestiche virtù – ovvero: la possibilità di non incontrarci mai più.” 9 Aprile 2011- 4 Maggio 2011
libro e segnalibri – Inaugurazione Sabato 8 Giugno ore 18
ARCANE GEOMETRIE – Delio Gennai e Massimo Gasperini – domenica 5 giugno 2016 ore 18

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi