Ruggero Maggi – Mucca Caotica – 7 dicembre 2001

Studio Gennai – Mucca Caotica

 

MUCCA CAOTICA
di
Ruggero Maggi

inaugurazione 7 Dicembre ore 18
dal 7 al 30 Dicembre 2001

muccacaotica

IMG_2339IMG_2318

 

“Mucca Caotica” vuole riassumere, attraverso installazioni e quadri polimaterici, il percorso intrapreso negli ultimi anni da Ruggero Maggi. Dal concetto di Caos e Arte alla matericita della tavolozza cibernetica, dalla ironica trasformazione della mucca pazza, elaborata su pelle sintetica ed assunta a logo della mostra, all’interpretazione più etica della pelle della pelle/africa.
Tra gli ultimi eventi espositivi dell’estate appena trascorsa, sono da segnalare le installazioni e gli interventi proposti da Ruggero Maggi: dalla 49° Biennale di Venezia con la partecipazione al progetto “Bunker Poetico” esposto alle Corderie, alla mostra – a cura di Stefania Carozzini – “From pencil to laser” con opere fotografiche relative alla laser -installazione “La nascita delle idee” che, dopo Milano, ha visto come tappe successive l’Istituto Italiano di Cultura di San Francisco e la “Fire Patrol No5 Art” di New York; da “InNaturalmente Arte” – percorsi diversi che si incontrano nelle pluralità dell’arte – a cura di Antonia Ciampi, con l’installazione “Fractus” ospitata in una delle sale della prestigiosa Fondazione Villa Benzi Zecchini di Caerano San Marco (TV), alla 7° Rassegna di Arte Contemporanea “Fuori dal comune” a cura di Giovanni Gurioli a Modigliana (FO), con l’installazione “Arrampicante” – foglie d’edera che, come viva pelle, tratteggiano e scolpiscono sembianze umane -e, alla Galleria d’Arte Contemporanea Vero Stoppioni di S.Sofia (Fo), con la performance/installazione “La lunga linea Silenziosa” all’interno della mostra “FigurAzione” a cura di Daniela Del Moro; per concludere con l’operazione landart 4 “Contatto-Contagi” a cura di Maria Luisa Trevisan all’isola del Lazzaretto Nuovo (Ve) con il poema visivo “Morte caotica”; con la realizzazione dei lavori “Chiocciola caotica” – in cui l’emblema della comunicazione informatica si distende fino a comporre la parola caos – e “Underwood/Isole frattali” – una parete bianca che, neutra in assenza dei raggi ultravioletti, diventa luminosa e riflettente, come un neon azzurro, quando si accendono le lampade di wood rivelando, mediante una particolare vernice, tratti segni arcipelaghi nascosti…. il caos che emerge, l’assenza/presenza, il disordine nell’ordine e viceversa, l’attesa e l’attenzione del crepuscolare e della notte – opere in permanenza all’interno dell’ Albornoz Palace Hotel di Spoleto, diretto da Sandro e Fabio Tulli.

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti possono essere Collezionisti – Inaugurazione sabato 8 Aprile ore 18.00
“Laboratorio di segni” opere di Delio Gennai – Sabato 23 Novembre ore 18.00 – MUSEO NUOVA ERA – Bari
MESSAGES FROM MAURO MANFREDI
Presentazione del libro ATLANTE ALLEGORICO, Edizioni Tracce, 2015 di Lamberto Pignotti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi