Presentazione del libro dell’autore Antonino Bove – ONIROPLASMI – Editore e Stampatore Pezzini, Viareggio, 2010

Nell’ambito della mostra

ALLA RICERCA DEI SOGNI PERDUTI
di LAMBERTO PIGNOTTI e ANTONINO BOVE

in corso presso lo
STUDIO GENNAI ARTE CONTEMPORANEA
Via San Bernardo, 6 – 56125 Pisa cell. 348.8243760

Sabato 6 giugno 2015 ore 18.00
verrà presentato il libro dell’autore Antonino Bove

ONIROPLASMI
Editore e Stampatore Pezzini, Viareggio, 2010

Il libro strettamente collegato con i collage esposti nella mostra teorizza, in un’ottica fantastica e visionaria, la possibilità di materializzare i sogni. In appositi laboratori, esperti della Società degli Onironauti analizzano i comportamenti della materia con la quale sono fatti i sogni; costatano che le entità oniriche hanno sorprendenti facoltà che vanno oltre i limiti fisici e spazio-temporali; espandono le possibilità di vita. Le singolari creature, nate nei sogni e condotte nell’al di qua dall’Oniroscopio Fisicizzatore, si innamorano dei loro sognatori; fanno da guida nei fantasmagorici territori psichici, resi tridimensionali. Con l’intuizione della corporificazione dei sogni l’autore ci rende partecipi di ipotetiche, lussureggianti soluzioni e vie d’uscita al ciclo biologico vita/morte.

——————————-
STUDIO GENNAI Arte Contemporanea associazione-culturale

via San Bernardo, 6 – 56125 Pisa
studiogennai@yahoo.it
www.studiogennai.it
facebook.com/pages/Studio-Gennai-arte-contemporanea-
tel: 3488243760

ALLA RICERCA DEI SOGNI PERDUTI

collage verbovisivi di

LAMBERTO PIGNOTTI E ANTONINO BOVE

Inaugurazione sabato 16 maggio ore 18.00

dal 16 maggio al 30 giugno 2015
dal martedi al sabato ore 17-19.30
o su appuntamento

Seduzioni e incantamenti, illogicità e paradossi, alterazioni e frammentazioni spazio-temporali secondo la grammatica allegorica e universale tipica dei sogni, è quanto traspare dalle composizioni verbovisuali realizzate a quattro mani, in collaborazione differita ma anche sincretica, da Lamberto Pignotti (Firenze, 1926), poeta e saggista, uno dei maggiori protagonisti dell’intensa stagione della Poesia Visiva, e Antonino Bove (Palermo, 1945), autore multimediale dedito al connubio tra arte e scienza, da decenni impegnato in una peculiare ricerca sulla materializzazione dei sogni. Fondatore di una fantomatica Società degli Onironauti e inventore di apparecchiature improbabili quali l’Oniroscopio Fisicizzatore, Bove ha allestito un intrigante teatro onirico, combinando immagini enigmatiche estrapolate dalle proprie sperimentazioni e tracce di una memoria artistica comune e condivisa. Pignotti è quindi intervenuto sui collage, interagendo con notevole sintonia ed inserendovi suoi versi evocativi e pertinenti schegge di un poema concepito appositamente, in una perfetta fusione della poetica dei due autori.
Dalla metà degli anni ’50, Pignotti si è imposto, con ironia e arguzia, come uno dei più originali e graffianti studiosi del rapporto fra parola e immagine, soprattutto in relazione alla comunicazione visiva nella società di massa. Tra i padri fondatori della Poesia Visiva, aderente al Gruppo ’63, l’autore ha aperto nuove strade alla poesia sperimentale esaminando le più diverse dinamiche tra segni e codici linguistici nei diversi media. Dai ’70, Bove si è occupato invece di fenomeni para-scientifici come la levitazione, la reificazione dei sogni e il mito dell’immortalità. Cofondatore a Viareggio nel 2003 dell’associazione culturale BAU, l’artista ha creato nella sfera della meta-genetica installazioni e sculture vive, utilizzando organismi unicellulari quali il lievito, i batteri e anche alghe marine, meduse, anguille, tacchini.
Forti di queste formidabili pratiche ed esperienze, Pignotti e Bove hanno dato forma nella serie di opere in mostra ad un clima fantastico e visionario, con ibridazioni inusitate e accostamenti sorprendenti in una recherche che non mira semplicemente ad esplicitare simbologie e associazioni oniriche, ma vuole spingersi piuttosto all’interno di aree inesplorate della dimensione sogno, per interiorizzarne l’energia, per liberare nuovi archetipi e figure chiave, per incontrare non tanto freudianamente se stessi bensì l’altro, l’arcano e ineffabile, tra malinconiche fantasmagorie e incongrui ribaltamenti di senso (in una vita sempre più razionale e tecnologica). E se fossero i personaggi dell’arte, dipinti e scolpiti, a sognare la realtà di noi umani?



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

COLLETTIVA 10
” La pioggia è rumore ma è musica “(di Giuseppe Chiari) performance con I.Ravenda e E. Sanna – sabato 23 ottobre ore 19
Origini edizioni ANNIVERSARIO 14-18 – Inaugurazione 14 aprile ore 18 / In a Secret Place – Dania Gennai – Inaugurazione 14 aprile ore 18
BAU 14/2017 – Global Partecipation System + Opere dalla Collezione Giorni e dalla mostra “Tutti posso essere collezionisti”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi